Close
Skip to content

Esportare prodotti tessili

Come farlo al meglio

L’industria tessile italiana nel mondo

L’industria tessile e dell’abbigliamento rappresenta uno dei settori dell’industria manifatturiera più importanti a livello nazionale ed europeo: le esportazioni tessili dell’Europa verso il resto del mondo rappresentano oltre il 30% del mercato mondiale.

L’Europa è il mercato più rilevante in termini di dimensioni, qualità e design, perché soddisfa le richieste del mercato internazionale grazie a processi produttivi innovativi e alta specializzazione.

L’Italia si posiziona al terzo posto nella classifica degli esportatori mondiali di prodotti tessili. Occupa il 12% del totale dei lavoratori e produce il 9% del fatturato dell’intero comparto della manifattura.

Sul territorio italiano sono presenti tre principali distretti industriali riconosciuti a livello mondiale per la qualità dei filati e di capi di abbigliamento: il primo situato a Biella (Piemonte) – il più antico centro di produzione di filati di lana -, il secondo a Prato (Toscana) – famoso per i filati speciali – e il terzo a Verona (Veneto).

    Valore mercato tessile italiano

    € 2,5 miliardi  

    Esportazioni Italia verso mondo

    +30%

    Vuoi vendere prodotti tessili e di abbigliamento all’estero? 

    Ecco qualche suggerimento per esportare con successo 👉

    I migliori mercati per esportare tessile

    Le principali aree geografiche

    Le principali aree geografiche di destinazione dell’export del settore tessile sono: l’Europa che assorbe il 69%, l’Asia con il 16,7% e l’America con il 7,2%

    europa_icon

    Europa

    69%

    asia_icon

    Asia

    16,7%

    america_icon

    America

    7,2% 

    Principali Paesi di destinazione

    france-flag-icon

    Francia

    germany-flag-icon

    Germania

    spagna-flag

    Spagna

    romania-flag

    Romania

    cina-flag-icon

    Cina

    usa-flag-icon

    Stati Uniti d'America

    Vuoi un supporto per iniziare ad esportare prodotti tessili?

    Le certificazioni del settore tessile

    Le certificazioni e normative dei prodotti tessili sono:

    Marcatura CE

    ISO 14001

    OHSAS 1800

    Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza del Lavoro

    Global Organic Textile Standard (GOTS)

    certificazione per prodotti tessili biologici, accettata in tutti i principali mercati

    Normative Europee (EN) - Regolamento UE n.1007/2011

    Stabilisce norme su denominazioni delle fibre, le modalità di etichettatura dei prodotti tessili. E’ necessario tradurre l’etichetta nella lingua del paese del consumatore

    Nel caso di esportazione verso Paesi extra-UE, occorre verificare i requisiti previsti dalla legislazione del singolo Paese di destino. Per esempio: 

    I dazi

    I paesi più protezionistici sono:

    AR-flag

    Argentina

    IND-flag

    India

    RUS-flag

    Russia

    cina-flag-icon

    Cina

    BRA-flag

    Brasile

    IDN-flag

    Indonesia

    Ci possono essere barriere tariffarie/non tariffarie che possono ostacolare l’esportazione. 

    I canali distributivi dei prodotti tessili 

    La logistica dei prodotti tessili si caratterizza per la grande varietà dei canali di distribuzione da affrontare: dettaglianti di medie e grandi dimensioni, grandi magazzini specializzati, punti vendita integrati o in franchising, e-commerce, ecc., il che si traduce in una forte pressione sui prezzi e sui tempi di consegna, con un gran numero di ordini sempre più diversi (installazione, rifornimento, vendite private, ecc.). 

     Molto importante è il grado di complementarità e/o di concorrenza indiretta: più questo è forte, più vi è la possibilità che un intermediario decida di commercializzare il nostro prodotto. 

    Analizzare i canali attuali dell’impresa e individuare quello con maggior incidenza sul fatturato.  

    Principali canali di distribuzione per il settore

    devono trattare brand simili al nostro in termini di prezzo, target, tipologia e numero di clienti.

    Agente

    devono trattare brand simili al nostro in termini di prezzo, target, tipologia e numero di clienti.
    STM International è un organismo di normazione statunitense, acronimo di American Society for Testing and Materials International

    Grossisti e distributori

    STM International è un organismo di normazione statunitense, acronimo di American Society for Testing and Materials International
    raramente approcciati singolarmente, di solito si passa da un agente/distributore

    Rivenditori e catene di negozi

    raramente approcciati singolarmente, di solito si passa da un agente/distributore
    per le aziende che propongono il private label

    Clienti B2B

    per le aziende che propongono il private label
    Importatori

    Importatori

    Come esportare tessile con successo

    Accurata analisi della concorrenza

    Disponibilità del campionario/campionatura

    Puntare sulla spendibilità del Made in Italy

    Presenza alle fiere del settore

    Adeguato supporto post-vendita

    Attenzione alla sostenibilità

    Marketing mix digitale adeguato

    Vuoi iniziare a vendere all'estero prodotti tessili?

    Contattaci